Sicilia 

Vini rossi Siciliani

La storia, la cultura le tradizioni vinicole arricchiscono il sapere sul territorio della Sicilia. Colpisce, per la varietà ed il fascino dei vini dalla lunga storia, il Marsala, e i robusti vini rossi Siciliani artefici della rinascita enologica isolana. La vitivinicoltura siciliana è costituita da un’imponente superficie vitata, importante per il patrimonio produttivo italiano, con circa 110.000 ettari (con il 15% più della Puglia).

La Sicilia enologica, negli anni si è evoluta raggiungendo eccellenti progressi e risultati ormai noti. Ad esempio, l’esuberante struttura dei vini rossi siciliani è dovuta al tipo di vitigni e all’ambiente pedoclimatico; all’affinamento delle tecniche enologiche. Le tipologie di impianto dei vigneti sonocostituitiad alberello e spalliere, coltura introdotta dagli antichi Greci iniziando col ormai scomparso vino Mamertino fino ai Tauromenitanum, Potulanume vino Haluntium. Oggi il patrimonio ampelografico siciliano riporta una mappa interessante sui vini rossi siciliani, prodotti da viti autoctone e distribuiti su tutto il territorio isolano. Il celebre Nero d’Avola dalle caratteristiche organolettiche distinguibili in aromi, intensità e corpo. Seguono il Frappato, DOCG Sicilia, da cui si produce il Cerasuolo di Vittoria DOCG nella zona di Ragusa. Il Perricone o Pignatello con Eloro DOC, Siracusa DOC e Noto DOC tra cui anche il Frappato. Nerello Cappuccio e Mascalesenella provincia di Messina la con la denominazione Faro DOC. La regione Sicilia è in grado oggi di proporre vini di elevata qualità prodotti da viticultori di lunga tradizione enologica a cui vengono assegnati menzioni e riconoscimenti internazionali come Cantine Rallo, Baglio di Pianetto, Barone di Serramarrocco, Tenuta di Aglea, Casa Di Grazia, MarinoVini, Cantina Cerasa di G. Lisciandrello, Tornatore, Uva, Cantine Morgante.

Prodotti più acquistati

No products

To be determined Spedizione
0,00€ Totale

Vai alla cassa